Arrivano gli occhiali intelligenti di Facebook

 Arrivano gli occhiali intelligenti di Facebook

Ora sul mercato arrivano i Ray-ban stories: i nuovi occhiali intelligenti realizzati da Facebook e EssilorLuxottica per fotografare, chiamare e realizzare video.

L’ultimo colpo innovativo di Mark Zuckerberg è il lancio dei nuovi occhiali smart realizzati in collaborazione con l’azienda EssilorLuxottica per rivoluzionare il marchio Ray-ban. Un annuncio che porta il social verso la nuova frontiera degli oggetti smart per cambiare l’esperienza sociale degli individui.

I nuovi Ray-ban stories simili nell’aspetto ai classici Ray-ban, presentano una doppia fotocamera da 5 MP per fotografare e registrare video; un LED di acquisizione cablato che si illumina per far sapere alle persone vicine quando si sta per scattare una foto o si sta registrando un video; degli altoparlanti semplificati e tre microfoni per fare chiamate e video.

I Ray-Ban Stories si abbinano, inoltre, alla nuova app Facebook View per condividere in modo diretto le storie sui social. L’utente potrà registrare tutto ciò che vede, modificarlo e pubblicarlo sui suoi canali con una prospettiva del tutto nuova.

Questo prodotto è disponibile in 20 diverse versioni che riprendono lo stile Ray-ban, con l’aggiunta di lenti chiare, sole, transizionali e graduate. Insomma, una vasta scelta per essere anche alla moda.

Infine, sono dotati di una custodia di ricarica portatile appositamente progettata e sono a prova di privacy con funzionalità incorporate direttamente nel design, tra cui protezioni hardware come un interruttore di alimentazione per spegnere le fotocamere e il microfono, più il LED che avvisa le persone nelle vicinanze.

L’uscita dei nuovi occhiali dimostra la continua crescita del mercato degli oggetti smart su cui sempre più aziende stanno investendo. La prospettiva è quella di un cambiamento sempre più veloce dell’esperienza del cittadino all’interno degli spazi urbani, agevolata da questi nuovi oggetti intelligenti che cercano di semplificare e racchiudere tutto in unico posto.

Leggi anche questo articolo su Datamagazine.it

Potrebbe anche interessarti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *