PA Social Day 2021: a Trieste protagonista il phygital

 PA Social Day 2021: a Trieste protagonista il phygital

Trieste, con il tema “Phygital: quando l’esperienza fisica incontra quella digitale”, ha contribuito alla quarta edizione del PA Social Day, l’ evento nazionale organizzato dall’Associazione PA Social e dedicato alla comunicazione e informazione digitale

Nella giornata di martedì 8 giugno, dalle 9 alle 19, si è svolta la maratona live del PA Social Day 2021. L’evento ha coinvolto in contemporanea 18 città con “studi” e collegamenti da tutta Italia: Ancona, Bari, Bologna, Cagliari, Campobasso, Imperia, Messina, Milano, Napoli, Castiglione del Lago (Perugia), Pescara, Reggio Calabria, Roma, Rovereto (Trento), Santa Fiora (Grosseto), Torino, Trieste, Venezia.
L’evento è stato trasmesso in diretta sul sito web di PA Social e sui canali Facebook, Linkedin, YouTube e Twitch dell’Associazione.
Sede dell’incontro, per il Friuli Venezia Giulia, sono stati gli spazi del nuovo Urban Center di Trieste messi a disposizione da Bio4Dreams. A moderare il panel di relatori, Christian Tosolin, responsabile del Coordinamento di PA Social per il Friuli Venezia Giulia.

I relatori nella sede di Urban Center Trieste

Perché il tema phygital

L’anno che stiamo attraversando è stato indicato come l’anno del phygital per eccellenza.
La situazione ibrida di mondo fisico e virtuale, phygital (physical + digital) appunto, sta entrando a far parte sempre più della nostra quotidianità e va a connotare i processi innovativi.
Il Friuli Venezia Giulia ha quindi deciso di esplorare questo tema attraverso la condivisione di alcune esperienze significative sull’utilizzo del digitale volto a migliorare e approfondire l’esperienza fisica. I preziosi e interessanti interventi dei relatori che si sono alternati durante l’incontro, Enrico Degrassi, Giulia Norbedo, Elena Rocco e Antonina Dattolo, hanno riguardato gli ambiti della cultura, dell’ inclusione e della valorizzazione del territorio, aiutando a comprendere e analizzare il contributo che gli strumenti tecnologici per la realtà aumentata e virtuale possono fornire.

Relatori e progetti

Enrico Degrassi – CEO di IKON Digital Farm

Enrico Degrassi è stato il primo relatore a prendere la parola presentando CollioXR, Museo Interattivo del Monte San Michele e IsonzoXR, progetti realizzati da IKON – Digital Farm, l’azienda di cui è Amministratore Delegato.
CollioXR è una app mobile basata su extended reality. Attraverso questa app si vuole valorizzare il Collio goriziano attraverso un approccio innovativo e coinvolgente raccontando il territorio e la sua storia. La app, che intende anche promuovere un modello di turismo sostenibile a impatto zero, unisce lo storytelling georeferenziato, la realtà virtuale e la realtà aumentata, dando vita a un’esperienza immersiva, coinvolgente ed emozionale.
Museo Interattivo del Monte San Michele è invece il ripensamento e la riprogettazione del museo stesso, luogo di narrazione della Grande Guerra. Grazie all’impiego della tecnologia per coinvolgere gli utenti anche a livello emozionale, la fruizione del museo è passata da un concetto puramente informativo a un approccio esperenziale.
Isonzo XR, app mobile ideata e sviluppata in collaborazione con Land Italia, segue il percorso naturale tracciato dal fiume Isonzo in un susseguirsi di sei percorsi ciclo-pedonali a forte vocazione esperienziale ed immersiva.
«Nei nostri progetti implementiamo il concetto di Digital Landscape: un layer narrativo e informativo che si sovrappone al contesto reale e arricchisce l’esperienza che l’utente fa del paesaggio» afferma Degrassi «L’approccio è prettamente di tipo “phygital” perché si focalizza sulla valorizzazione del contesto reale aumentandone la percezione attraverso il digitale».

Giulia Norbedo – Curatrice della mostra “Nino Zoncada da Monfalcone al Mondo”

È stata poi la volta di Giulia Norbedo, curatrice, assieme a Giulio Princic, della mostra “Nino Zoncada da Monfalcone al Mondo”, allestita nella sede della Galleria d’Arte Contemporanea di Monfalcone, organizzata dal Comune di Monfalcone, in collaborazione con il Consorzio Culturale del Monfalconese e con il contributo della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia. 
L’esposizione, concepita per far conoscere e apprezzare il lavoro del grande designer Nino Zoncada nell’ambito dell’evoluzione tecnico-artistica della costruzione navalmeccanica italiana a partire da Monfalcone, si è trovata a subire rinvii e stop legati al variare delle condizioni pandemiche degli scorsi mesi e, come riporta Giulia Norbedo «Nella difficile situazione a cavallo tra il 2020 e il 2021, contemporaneamente all’allestimento fisico della mostra in situ, si sono sin da subito progettate e svolte anche tutte le attività inerenti alla realizzazione del tour virtuale dell’esposizione. Inoltre» prosegue la curatrice, «la scelta di utilizzare la realtà aumentata ha reso possibile un accesso all’attività facile, immediato e intuitivo. Rendere accessibile la sede della mostra anche al visitatore impossibilitato, per vari motivi, a raggiungerla si è rivelata essere una soluzione ottimale anche al fine di fare “vivere” l’esposizione temporanea in modo rapido e realistico a chi altrimenti non avrebbe potuto fruirne».

Elena Rocco – Ideatrice di Fondazione Radio Magica Onlus e docente di marketing internazionale all’Università Ca’ Foscari Venezia

A concludere l’incontro il progetto #smARTradio® un canale innovativo per la divulgazione del patrimonio culturale italiano basato sullo storytelling accessibile grazie all’approccio design for all  che si avvale di tecniche di scrittura e di narrazione multimediale per garantire una vasta comprensione dei contenuti. L’obiettivo è realizzare storie belle e accessibili a tutti, compresi bambini e ragazzi, stranieri che stanno imparando l’italiano o persone con bisogni speciali offrendo a tutti il piacere della scoperta dei nostri tesori.
A parlarne sono state Elena Rocco, ideatrice di Fondazione Radio Magica Onlus e docente di marketing internazionale all’Università Ca’ Foscari Venezia, e Antonina Dattolo, direttrice del Laboratorio di Ricerca SASWeb e docente di tecnologie web all’Università di Udine. 
«Sono grata al SASWeb Lab che ha saputo capire fin da subito le potenzialità del progetto #smARTradio e le Mappe Parlanti. Grazie alla prof.ssa Dattolo e ai suoi ricercatori è nata una piattaforma innovativa, accessibile e scalabile che sta intercettando i bisogni di tutti quei territori ed enti culturali consapevoli dell’importanza dello storytelling accessibile per trasmettere la conoscenza del patrimonio a pubblici diversi» sottolinea Elena Rocco.

Antonina Dattolo, direttrice del Laboratorio di Ricerca SASWeb e docente di tecnologie web all’Università di Udine

Le fa eco Antonina Dattolo :«Il progetto #smARTradio mi ha coinvolto da subito e l’entusiasmo della sua ideatrice, la prof.ssa Rocco, è diventato subito anche il mio: insieme desideriamo arrivare, eliminando tutte le barriere possibili, a chiunque abbia voglia di conoscere il patrimonio culturale italiano. Lo raccontiamo attraverso le mappe parlanti, anche nella lingua dei segni, su una piattaforma smart, interattiva e multilingue. La nostra collaborazione è diventata una officina di idee, a volte visionarie, su cui ci confrontiamo per offrire a tutti il piacere della scoperta dei tesori del nostro territorio»

Il bilancio dell’ incontro è di certo positivo. Le esperienze di valore condivise sono assolutamente stimolanti e foriere di spunti interessanti per il continuo sviluppo di pratiche innovative e tecnologiche future.

Qui il link per rivedere l’incontro [a partire dal minuto 2:29:30]

———

Il PA Social Day rappresenta una grande occasione di confronto, partecipazione, scambio di buone pratiche e contaminazione di idee. Concepito e organizzato dall’Associazione PA Social, vede come partner locali per il Friuli Venezia Giulia Bio4Dreams, capofila del Raggruppamento Temporaneo di Imprese che ha in gestione l’Urban Center di Trieste, come partner nazionali L’Eco della Stampa, Alpenite, Infocamere, WeWeb Digital Events, Open Comunicazione e come media partner Agenzia di Stampa DIRE, datamagazine.it, Cittadini di Twitter, Igers Italia, iPress Live, il Giornale della Protezione Civile, Velocità Media, Innovazione 2020 e Digital Media. 

Potrebbe anche interessarti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *