Investire nelle criptovalute. Il 2021 l’anno giusto?

 Investire nelle criptovalute. Il 2021 l’anno giusto?

Investire nelle criptovalute

Quanti amici vi hanno raccontato di stare investendo nelle criptovalute, acquistando bitcoin su questa o quella piattaforma, osservando quotidianamente le oscillazioni del mercato dal proprio smartphone e guardando il proprio capitale salire o scendere di continuo.

Ormai non è più necessario avere competenze in tema di finanza, di trading. Esistono portali che aiutano anche i meno esperti all’acquisto e alla vendita delle criptovalute con un semplice click.

Investire nelle criptovalute

Ma cosa sono esattamente le criptovalute?

Il nome deriva dall’inglese cryptocurrency ossia una parola composta da altre due cryptography e currency. Fondamentalmente sono valute digitali che si basano su un sistema decentralizzato cioè si appoggiano su una serie di nodi formati dai computer degli utenti di tutto il mondo frammentando i vari “borsellini” di moneta digitale attraverso il sistema della blockchain e quindi evitando una gestione di tipo centralizzato di queste monete. Questa decentralizzazione potenzialmente dovrebbe essere più sicura degli investimenti tradizionali proprio perché diffusa a livello mondiale e difficilmente attaccabile. La stessa non permette di risalire a chi utilizza le criptomonete per gli acquisti e quindi le ha rese popolari per le transazioni nel mercato nero e nel darkweb.

Le criptovalute più diffuse

Esistono diverse criptomonete in circolazione, dalla più famosa, il Bitcoin, che ha fatto la fortuna di quegli utenti che, in tempi non sospetti, ne hanno acquistati nel 2009, anno in cui sono stati inventati, e che con un investimento di poche manciate di dollari, hanno visto in pochi anni un aumento esponenziale del loro valore da 0,01 dollari del 2009 al valore odierno di circa 32.000 dollari. Ma si stanno facendo largo altre monete come Ethereum o Litecoin, solo per citare quella più famose. Si stanno facendo notare quelle nate più di recente e, entro il mese, dovrebbe arrivare anche quella di Facebook che doveva chiamarsi Libra ma a cui è stato cambiato il nome in Diem.

L’andamento delle criptovalute nei prossimi anni

Quale sarà l’andamento della criptomoneta nei prossimi mesi/anni? Questa è la domanda a cui vorrebbero avere una risposta tutti quelli che hanno investito o vogliono investire in questo mercato molto redditizio ma anche molto instabile, basti pensare che, più di una volta il Bitcoin ha sofferto di crolli improvvisi come nel marzo del 2020 con l’arrivo del Covid che ne ha quasi dimezzato il valore in una notte.
Non sappiamo quindi quali saranno gli andamenti delle criptovalute nel futuro prossimo ed è difficile fare ipotesi, ma possiamo guardare come si stanno muovendo i grossi investitori. Il patron di Tesla Elon Musk, ad esempio, sta spingendo sulle nuove criptovalute come Dogecoin, nata quasi per scherzo, ma che sta avendo incrementi importanti proprio negli ultimi giorni.
Alcuni esperti di finanza internazionale sostengono invece che il valore delle principali criptomonete si stabilizzerà per poi calare, come durante questi anni è già successo più volte a causa di bolle speculative, che quando sono scoppiate hanno repentinamente fatto scendere i valore del mercato.

Quindi come è meglio muoversi?

Per i neofiti che si stanno affacciando a questo tipo di investimento, i consigli dei maggiori esperti sono quelli di cominciare con piccoli investimenti, possibilmente su diverse criptomonete, in modo da diversificare e rischiare meno perdite. Monitorare il mercato, verificare gli andamenti e attendere possibili crolli per acquistare al miglior prezzo possibile.
Ormai questo è possibile per chiunque di noi abbia uno smartphone con installata una delle tante app che, in tempo reale, monitora le variazioni del valore di queste valute digitali che stanno, sempre di più, diventando fonte di interesse anche da parte dei piccoli e piccolissimi investitori.

Potrebbe anche interessarti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *