Come portarsi l’ufficio a casa senza perdere la produttività e ottimizzando le risorse a disposizione?

In vista di un nuovo possibile lockdown nazionale cechiamo di capire come trasferire, in maniera ottimale, l’ufficio nella propria abitazione tenendo presente alcune regole fondamentali da seguire.

Primo punto, gli spazi

Per chi ha una casa grande con molte stanze è più facile organizzarsi e trovare la giusta privacy per poter lavorare e partecipare a riunioni in videoconferenza, ma chi ha un piccolo appartamento condiviso con altri familiari? In questo caso sarà necessario trovare un piccolo spazio dove poter collocare una scrivania, magari rivoluzionando la disposizione dei mobili di casa. Utilizzare, ad esempio, il tavolo della cucina è controproducente perché porta via uno degli spazi condivisi dagli altri e monopolizza una delle stanze principali. Meglio sarebbe riuscire a sfruttare un angolo della camera da letto o rivalutare un eventuale ripostiglio per trasformarlo in ambiente di lavoro cercando contestualmente di poter sfruttare la luce naturale che è la più consigliata per affaticare meno la vista.

Postazione

La connessione ad Internet

Una buona connessione ad Internet è fondamentale per poter lavorare in maniera fluida, considerando anche che la stessa verrà probabilmente condivisa con gli altri componenti della famiglia. Un’ADSL può andare bene se non lavoriamo con grosse mole di dati o applicazioni pesanti da remoto. Se durante la giornata avremo spesso dei meeting in videoconferenza e i nostri figli seguiranno la didattica a distanza attraverso delle video lezioni, sarà necessario effettuare un upgrade della nostra connessione optando per la fibra.

La dotazione hardware

Un computer fisso o un portatile? Quale scegliere? Se ci spostiamo molto e utilizziamo diversi spazi della casa, la scelta obbligata è quella del portatile che ci fornisce una maggior flessibilità negli spostamenti. Se invece avete la disponibilità di una stanza dedicata, il pc fisso vi concederà di lavorare in maniera più efficace e meno stancante utilizzando un grande monitor e delle periferiche ergonomiche come una tastiera dotata di poggia polsi o un mouse con impugnatura anatomica. Un dispositivo da non sottovalutare è il router che, normalmente, viene dato al momento della sottoscrizione del contratto telefonico dal vostro operatore. Normalmente questo dispositivo, che funge anche da access point wifi per distribuire il segnale in maniera wireless ai vostri dispositivi, è sottodimensionato rispetto alle esigenze della famiglia, soprattutto se vi scollegato molti dispositivi e c’è la necessità di coprire con un buon segnale tutti gli angoli della casa. Bisognerà valutare, nel caso, l’acquisto di un router più performante da affiancare a quello fornito in dotazione.

Audio e video

Audio e video al top

Per la sezione audio, soprattutto se si condivide l’abitazione con altre persone, sarà necessario dotarsi di cuffie over ear che coprano bene l’orecchio isolandoci cosi dai rumori domestici. C’è la possibilità di acquistarne alcune che integrano la funzione di noise cancelling, che elimina i rumori di fondo e ci permette di estraniarci dal resto del mondo quando le indossiamo. Verifichiamo anche che le cuffie siano dotate di un buon microfono, anche questo possibilmente dotato del sistema di cancellazione del rumore, per permettervi di partecipare ai meeting online anche in presenza di rumori o voci di chi occupa la vostra casa.
Per la sezione video, si può utilizzare la webcam integrata nel portatile tenendo presente che spesso la qualità video è molto bassa. Con poche decine di euro è possibile dotarsi di una webcam HD da collegare al vostro computer tramite la presa USB.

Argomenti #lockdown #smartworking