Agenda 2030 ed Europa, parte il Piano “RiGenerazione Scuola”

 Agenda 2030 ed Europa, parte il Piano “RiGenerazione Scuola”

Una risposta concreta alle sfide dell’Agenda 2030 dell’ONU e ai temi della sostenibilità ambientale arriva dal progetto “RiGenerazione Scuola”, il Piano del Ministero dell’Istruzione entrato a far parte dell’offerta formativa delle istituzioni scolastiche

Il progetto è stato presentato lo scorso 23 marzo a Roma alla presenza del ministro Patrizio Bianchi. Un Piano, spiegano dal Ministero, “pensato per accompagnare le scuole nella transizione ecologica e culturale e nell’attuazione dei percorsi di educazione allo sviluppo sostenibile previsti dall’insegnamento dell’educazione civica”, perché “la scuola ha il compito di educare le studentesse e gli studenti ad abitare il mondo in modo nuovo e sostenibile e di renderli protagonisti del cambiamento”.

Per il triennio 2022-2025 le scuole potranno inserire, a partire dal mese di settembre 2022, nel curricolo di istituto, le attività relative ai temi della transizione ecologica e culturale collegandole ai quattro pilastri (la rigenerazione dei saperi, dei comportamenti, delle infrastrutture e delle opportunità) ed agli obiettivi (sociali, ambientali ed economici) di Rigenerazione. Un Piano, sottolinea il Ministero dell’Istruzione, che “mira a stringere un legame di lungo periodo fra le diverse generazioni per insegnare che lo sviluppo è sostenibile se risponde ai bisogni delle generazioni presenti, ma non compromette quelle future”.

Un progetto che può offrire una forte spinta pedagogica per coinvolgere le nuove generazioni verso lo sviluppo di un’educazione alla sostenibilità ambientale ostacolata dallo scenario globale della pandemia e dalla guerra in Ucraina. L’ultimo rapporto di Sdsn Europe e Institute for European Environmental Policy – che calcola lo stato di attuazione in tutti Paesi europei dei 17 obiettivi sostenibili inseriti nell’Agenda 2030 dell’ONU – evidenzia come l’Sdg (Sustainable Development Goals) Index sia per la prima volta in lieve calo.

Nonostante il delicato periodo che stiamo vivendo, però, la posizione dell’UE riguardo ai temi della sostenibilità è chiara: “Gli obiettivi di sviluppo sostenibile (OSS) rappresentano un grande successo negoziale e sono uno strumento utile per proiettare a livello mondiale i suoi valori ed obiettivi, fornendo un quadro condiviso e utile per i partenariati internazionali. Di conseguenza, è nell’interesse dell’UE svolgere un ruolo di primo piano nell’attuazione dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite anche a livello globale, attraverso l’azione esterna”. La scuola e il mondo dell’istruzione, all’interno del contesto, rappresentano il principale baluardo per la promozione di questi principi e valori.

Potrebbe anche interessarti