È arrivato inPA, il portale per assumere nella PA

 È arrivato inPA, il portale per assumere nella PA

È ora online il nuovo inPA – Portale del reclutamento per il personale della PA. Un nuovo LinkedIn per velocizzare le procedure di assunzione.

È arrivato durante le ferie estive il nuovo portale inPA per permettere a tutti i professionisti della PA di iscriversi e trovare lavoro. In un momento di distrazione generale, viste le vacanze in corso, qualcuno avrà perso la notizia ma i social del Dipartimento della Funzione Pubblica hanno pubblicizzato a più riprese l’opportunità lanciata dal Governo per velocizzare le procedure di assunzioni.

Con il sito disponibile qui (inpa.gov.it) ogni persona può infatti iscriversi e inserire il curriculum vitae personale. L’accesso disponibile in pochi secondi solo tramite identità digitale (SPID, CIE, CNS) permette di andare sulla pagina principale dove inserire tutti i dati dalla parte anagrafica alle competenze extracurriculari.

In ogni sezione è possibile inserire nel dettaglio le proprie esperienze lavorative sia come dipendente PA che presso privati. Inoltre, è disponibile la sezione articoli e pubblicazioni per tutti coloro che le hanno nel cassetto, ma anche attività di docenza, corsi, convegni, congressi.

Una volta inserito il proprio CV personale, si può poi tornare sul sito per aggiornare le diverse sezioni, modificare o eliminare le voci inserite. Al momento non è ancora implementata la sezione bandi e avvisi, ma si prevede entro ottobre di inserire la sezione dedicata al reclutamento del personale per il PNRR.

Entro il 2023, invece, si prevede l’inserimento anche dei bandi pubblicati in Gazzetta e le procedure di mobilità dei dipendenti pubblici.

Insomma, un vero e proprio sito smart dove poter finalmente trovare tutto ciò che serve per cercare lavoro nella Pubblica Amministrazione, in particolare per i giovani che si approcciano ai concorsi pubblici per la prima volta dopo aver terminato il percorso di studi.

Leggi anche questo articolo su Datamagazine.it.

Potrebbe anche interessarti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *