Transizione digitale: ecco le risorse del PNRR

 Transizione digitale: ecco le risorse del PNRR

All’interno del PNRR, il Piano nazionale di ripresa e resilienza il 27% delle risorse sono destinate alla transizione digitale del nostro Paese.

Le risorse sono suddivise su due assi principali, il primo riguarda le infrastrutture digitali e la connettività a banda ultra larga il secondo l’ammodernamento delle Pubbliche Amministrazioni promuovendo la loro digitalizzazione.
Il fine ultimo è quello di fornire a tutti la possibilità di utilizzare i servizi digitali delle PA sfruttando una rete di connessioni veloci e affidabili in tutto il territorio italiano, senza lasciare indietro nessuno.

Transizione digitale: ecco le risorse del PNRR
Fonte MITD

La strategia Italia digitale 2026 mira a far diventare l’Italia uno dei paesi europei di punta sull’innovazione e digitalizzazione, aumentando le competenze dei dipendenti pubblici, incrementando la cultura digitale dei cittadini e investendo in infrastrutture capaci di garantire a tutti l’utilizzo di una rete performante e presente in maniera capillare in tutto il Paese.
I presupposti ci sono tutti visto che oltre 20 milioni di italiani hanno già attivato la loro identità digitale con SPID e l’obiettivo del 2026 è quello di diffonderla al 70% dei cittadini.

Fonte MITD

In ambito pubblico si punta a incrementare, fino all’80% l’esposizione di servizi online per rendere più semplice e immediata la loro fruizione da parte degli utenti e, al contempo, portare gli enti pubblici a utilizzare servizi in cloud.

Per raggiungere questi obiettivi sarà necessario focalizzare l’attenzione sulle persone, costruendo dei percorsi di formazione e informazione sull’utilizzo del digitale, sulla sicurezza nell’utilizzo della tecnologia per fare in modo che la transizione digitale sia un percorso inclusivo e non lasci indietro nessuno. Un percorso strutturato che non viaggi su binari a velocità differenti e che permetta a tutti di sfruttare l’innovazione come volano per la ripresa di lavoratori e aziende che devono essere competitivi nel mercato ma anche supportati ed affiancati da istituzioni al servizio del cittadino.

Potrebbe anche interessarti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *