Sono sempre più numerosi i settori che stanno risentendo della crisi dovuta alla pandemia da coronavirus, soprattutto in seguito alla seconda ondata con lockdown al seguito. A partire dalle strutture ricettive, alla ristorazione, al comparto turismo in generale, dal commercio di automobili al trasporto aereo, diventa sempre più difficile far ripartire quei settori che si stanno sempre più fragilizzando nel corso degli ultimi mesi. Talvolta per fortuna sono gli addetti ai lavori stessi che cercano nell’innovazione un po’ di respiro per tornare a prendere vita.

E’ il caso, ad esempio, dell’iniziativa nata dalla collaborazione tra Anfols – Associazione Nazionale Fondazioni Lirico Sinfoniche – e Ansa, grazie alla quale l’affezionato pubblico delle rappresentazioni teatrali, rimasto ormai orfano degli appuntamenti cui era abituato, potrà assistere a spettacoli pensati ad hoc e trasmessi in live-streaming.

La proposta del Teatro Lirico Giuseppe Verdi di Trieste costituisce la prima opera in forma scenica di questo percorso, opera che sarà trasmessa e condivisa attraverso gli strumenti digitali di tutte le Fondazioni il prossimo giovedì 3 dicembre, alle ore 17:30, in streaming e in assenza di pubblico. La piece scelta per questo evento è l’anteprima de La traviata di Giuseppe Verdi, nell’allestimento con cui riscosse grande successo nel corso dell’intera tournée in Giappone svoltasi dal 25 ottobre al 10 novembre 2019.

Teatro e innovazione

L’evento si inserisce nel palinsesto unico di produzioni in streaming che le dodici Fondazioni Liriche nazionali hanno deciso di realizzare per mantener vivo il legame con il pubblico grazie alla significativa collaborazione tra l’Anfols (Associazione Nazionale Fondazioni Lirico Sinfoniche) e l’Ansa.

In questa Traviata l’Orchestra e il Coro della Fondazione Teatro Lirico Giuseppe Verdi di Trieste saranno diretti dal M° Michelangelo Mazza, direttore emergente della nuova generazione, mentre regia sarà curata da Mariano Bauduin, per lungo tempo assistente di Roberto De Simone, già a Trieste nell’allestimento di Falstaff, il capolavoro verdiano con cui si è chiusa la stagione lirica 2014/2015.

Di ottima levatura il cast; gli interpreti principali saranno il soprano spagnolo Ruth Iniesta nel ruolo di Violetta Valéry, il tenore Marco Ciaponi che vestirà i panni di Alfredo Germont, e il baritono Angelo Veccia che interpreterà il padre, Giorgio Germont.

Dopo la sinergia realizzata con Rai Cultura, quella con l’Ansa dimostra quanto sia necessario, in momenti come questi, riuscire a creare legami e collaborazioni concrete tra realtà già implicitamente connesse proprio grazie all’esistenza di un pubblico comune, per sostenersi a vicenda e, in questo modo, offrire ai fruitori quel nutrimento estetico indispensabile a sostenere il peso di questa nostra difficile quotidianità.

Il pubblico potrà assistere alla rappresentazione dell’opera collegandosi ai seguenti link di Anfols, Ansa e sui siti internet delle fondazioni liriche sinfoniche aderenti all’iniziativa.

AVVISO DELLA FONDAZIONE TEATRO LIRICO G. VERDI

La  Fondazione Teatro Lirico Giuseppe Verdi di Trieste è spiacente di dover comunicare, causa Covid 19, la sospensione dello streaming della propria produzione di “Traviata” di Giuseppe Verdi. Programmato per giovedì 3 dicembre alle ore 17.30, nell’ambito dell’iniziativa #apertinonostantetutto in collaborazione con Anfols e Ansa, lo streaming della produzione sarà riprogrammato in una data che resta da definire e che sarà comunicata attraverso i canali d’informazione della nostra Fondazione.

Argomenti #innovazione #Teatro