La tecnologia, in questo periodo buio che ha messo in crisi la maggior parte della popolazione mondiale, ha avuto un ruolo fondamentale nell’aiutarci ad affrontare al meglio la pandemia. Moltissime sono state le aziende che, in vari settori, hanno messo a disposizione di tutti le proprie idee e creazioni per aiutarci nella grande impresa di uscire da questo incubo (leggi qui il nostro articolo). Anche due dei più grandi nomi della tecnologia, Apple e Google, hanno messo insieme le loro conoscenze e sono scesi in campo nella battaglia al Covid-19 rilasciando il sistema che ha permesso di creare app di tracciamento come la nostra Immuni.

Adesso le due aziende fanno un passo in più per venire in soccorso di quei paesi che ancora non sono riusciti a sviluppare una propria applicazione per il tracciamento dei contatti dei positivi al virus, creando Exposure Notification Express.

L’azienda di Cupertino ha scelto di aggiungere questa funzione al rilascio di IOS 13.7, quindi senza bisogno di scaricare un’ulteriore applicazione. Exposure Notification Express garantisce in ogni caso il mantenimento della privacy e della sicurezza dei dati personali, per tutti quegli utenti che si dimostrano scettici di fronte a funzioni che, in qualche modo, controllino gli spostamenti individuali. Sarà inoltre facoltà dell’utente scegliere se attivare o meno tale funzione.

Google non ha ancora rilasciato l’upgrade per i dispositivi Android ma promette di farlo durante le prossime settimane ed in questo caso, per attivare la funzione di tracciamento, sarà necessario scaricare un’apposita applicazione dallo store Google Play.

In entrambi i casi però non saranno i singoli cittadini a poter scegliere se usufruire di tali servizi o meno in quanto saranno le autorità sanitarie di ogni Stato a scegliere se aderire all’iniziativa. Per il momento il Governo italiano non si è espresso in merito ma è presumibile che, avendo già adottato il sistema Immuni, possa farne a meno, sempre che non scelga di affiancargli il programma Exposure Notification Express per una maggiore copertura di tracciamento.

di Cristina Giacomelli

Argomenti #app #apple #covid #google #innovazione