Ormai le nostre case sono sempre più piccole, il trend degli ultimi anni prevede abitazioni pensate per single, per lavoratori che hanno necessità di avere un punto d’appoggio nella città dove lavorano, per poi tornare a casa nel week-end, per piccoli nuclei familiari, inoltre la sempre maggiore densità dei centri abitati rende obbligatorio fornire più moduli abitativi di minori dimensioni, in modo da permettere di avere più appartamenti in meno spazio.

Questo fa sì che spesso le nostre case includano almeno una parete cieca, solitamente riservata ai servizi igienici, proprio in simili contesti appare geniale l’idea presentata al CES di Las Vegas lo scorso gennaio, da Samsung Electronics, denominata “SunnyFive” (originariamente “SunnySide”).

“SunnyFive” nasce all’interno del programma C-Lab Inside (programma che incoraggia e coltiva le idee innovative dei dipendenti Samsung) ed è sostanzialmente una finestra artificiale che riproduce a tutti gli effetti la luce naturale.

Posizionata sulla parete che desideriamo “SunnyFive” simulerà gli scenari di irraggiamento solare che avremo programmato in modo, ad esempio, da poterci svegliare al mattino con la luce del sole che si alza nel cielo, oppure per far avere l’illuminazione necessaria ad una stanza in cui teniamo delle piante a noi particolarmente care. Se davanti al pannello luminoso verrà posizionata una tenda, la differenza con una vera finestra sarà impercettibile grazie all’angolazione, all’intensità ed alla colorazione della fonte luminosa che cambiano nel corso della giornata, proprio come la luce solare.

Sembra inoltre che “SunnyFive” possa essere in grado di attivare la sintesi della vitamina D, traendo ispirazione dal funzionamento dei dispositivi di fototerapia utilizzati per il disturbo affettivo stagionale (SAD), divenendo così uno strumento di vitale importanza in ambienti, che per qualche motivo, siano totalmente chiusi, come può essere una costruzione sotterranea (vedi ad esempio Coober Pedy, in Australia, dove, per l’eccessivo calore, un’intera città è stata costruita sotto la superficie terrestre).

Al momento non si ha una data di lancio del progetto e non si hanno ulteriori informazioni al riguardo, Samsung però conferma la sua fiducia al team di sviluppatori che, speriamo quanto prima, potrebbero lanciare “SunnyFive” sul mercato come start-up indipendente.

Argomenti #domotica #samsung #tecnologia