Dimmi a chi telefoni e ti dirò dove abiti

 Dimmi a chi telefoni e ti dirò dove abiti

Siamo accerchiati da algoritmi. Letteralmente. Qualunque nostro gesto, pensiero o attività vengono in qualche modo tracciati, analizzati, monitorati e valutati. Fuori e dentro e social. I nostri gusti, le nostre passioni, i nostri hobby. Le nostre abitudini d’acquisto, i nostri spostamenti, le nostre conversazioni. Siamo sempre sotto una grande lente di ingrandimento il cui unico obiettivo è decifrare i nostri comportamenti, acquisire i nostri dati e utilizzarli a fini commerciali, politici o quantomeno statistici. 

La tecnologia è ovviamente alla base di questo tracciamento, attraverso carte di credito, cellulari o altri dispositivi elettronici.

Un passo avanti – ma questa volta con un obiettivo di pubblico interesse – l’hanno compiuto l’Istituto di scienza e tecnologie dell’informazione del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Isti), l’Universidad del Desarrollo di Santiago del Cile, l’operatore Telefònica Chile, l’Università di Torino e la Fondazione ISI di Torino. Si sono chiesti: “È possibile localizzare la posizione di un’abitazione attraverso l’analisi dei dati di telefonia mobile?”.

La risposta? Ovviamente sì. 

I ricercatori, infatti, hanno validato per la prima volta un vasto insieme di algoritmi, già esistenti o sviluppati appositamente, sui record telefonici di 65 volontari a Santiago del Cile. 

Lo studio, pubblicato su EPJ Data Science, ha consentito di identificare l’algoritmo più accurato, scoprendo che le telefonate nelle ore notturne identificano l’abitazione del portatore di numero con maggiore precisione e che per l’identificazione è sufficiente una frazione inferiore al 20% delle telefonate.

Dimmi a chi telefoni e ti dirò dove abiti

Determinare l’abitazione di un individuo attraverso l’analisi dei suoi record telefonici è una sperimentazione che consente di aumentare la capacità di automatizzazione di processi statistici di grande rilevanza, come la stima e la previsione della densità di popolazione, dei flussi migratori, dell’inquinamento atmosferico e la costruzione di modelli matematici per previsioni epidemiologiche, anche rispetto alla diffusione di COVID-19”, spiega Luca Pappalardo del Cnr-Isti. “Nonostante l’importanza di tale rilevamento, la mancanza dell’insieme di record telefonici associati all’area di residenza (dati ground truth), non consentiva di validare opportunamente i metodi attualmente usati, non eravamo quindi sicuri dell’accuratezza dei loro algoritmi. Il nostro studio getta finalmente luce sulla precisione di questi algoritmi, al tempo stesso consentendo di calcolare la minima quantità di dati necessaria per un determinato scopo di pubblico interesse”.

Potrebbe anche interessarti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *